Cosa visitare

Una passeggiata alla scoperta di Palanzo di Faggeto Lario (CO)

Palanzo è una frazione del comune comasco di Faggeto Lario posta in altura a nord del centro abitato.

Contents

STORIA DI PALANZO

La più antica menzione storica del territorio di Palanzo si ritrova in una bolla pontificia di Alessandro III datata 14 aprile 1162.

In questa dicitura Palanzo è confermato tra i possedimenti concessi all’ arcidiocesi di Milano.

E’ Federico II di Svevia, nel maggio 1240, a decretare lo spostamento di Palanzo sotto le dipendenze della città di Como.

La località è un piccolo villaggio agricolo di antica origine della Pieve di Nesso.

Palanzo è annessa a Pognana su ordine di Napoleone, ma gli austriaci annullarono la decisione al loro ritorno nel 1815 con il Regno Lombardo-Veneto.

Dopo l’ unità d’Italia, il paese non diede segni di crescita demografica.

E’ il fascismo a decidere la soppressione del comune unendolo a Lemna.

MONUMENTI E LUOGHI D’ INTERESSE DI PALANZO

Architetture religiose di Palanzo

Chiesa di Sant’Ambrogio

Fino al 1240 alle dipendenze dell’arcidiocesi di Milano, l’attuale chiesa è ricostruita nel primo trentennio del XVII secolo.

La riconsacrazione dell’ edificio a seguito del termine dei lavori avviene infatti nel 1636.

A questo stesso periodo risale l’ affresco che, sulla facciata, sormonta il portale d’ingresso, dipinto che raffigura il santo titolare della chiesa a cavallo.

Ai lati dell’ affresco, altri due dipinti: a sinistra si trova una rappresentazione allegorica della morte, mentre a destra è raffigurato un uomo che sostiene una meridiana.

Al tempo della visita pastorale di Feliciano Ninguarda (1593), il frontespizio della chiesa ospitava numerosi dipinti.

Tra i questi spiccavano le raffigurazioni dei Santi Ambrogio, Bernardo e della Madonna.

Il campanile, risalente al XVI secolo, è costruito riutilizzando parte dei materiali che componevano la torre del vicino castello di Palanzo.

Internamente, la chiesa ospita una tela del XIX secolo raffigurante il santo titolare.

Poi anche una tela seicentesca del Morazzone.

Questa ha come tema una Crocefissione con Maria Maddalena tra i santi Ambrogio e Carlo (1623).

Quest’ ultimo quadro, un tempo collocato L’altare maggiore, opera del marmista Gerolamo Sochi di Stabio, è del 1778.

Al primo Seicento risale invece l’ altare oggi collocato nella cappella intitolata alla Madonna del Rosario, il quale, al momento della riconsacrazione della chiesa, si trovava invece sul presbiterio con funzione di altare maggiore.

Altro

  • Chiesa del Soldo, dedicata alla Madonna Addolorata, costruita in una piana un tempo tappezzata di vigneti.

Architetture civili e militari

Poco sopra alla chiesa di Sant’Ambrogio si trovano i resti del castello di Palanzo, databile tra i secoli XI e XII.

Ben visibili sono ancora oggi parte delle mura, rimaneggiate nel corso dell’ Ottocento, e la parte inferiore della torre.

Nel centro dell’abitato trova inoltre posto un torchio ligneo del XVI secolo.

Chiesa di Sant' Ambrogio
L’ esterno della Chiesa di Sant’ Ambrogio
Chiesa della Madonna del Soldo
Esterno della Chiesa della Madonna del Soldo
Palanzo
Il panorama di Palanzo sul Lago di Como
Il torchio
L’ antico torchio situato nel piccolo centro di Palanzo di Faggeto Lario